Diletta De Pascali (Link Lecce) nuova Presidente del Consiglio degli studenti Unisalento: “Ora vogliamo la centralità dell’organo nella politica d’Ateneo”

Riceviamo e pubblichiamo:


Si è svolta questo pomeriggio la prima seduta del Consiglio degli Studenti Unisalento in cui è stata eletta la nuova Presidenza. 

Il Consiglio degli studenti ha eletto come nuova Presidente Diletta De Pascali, consigliera di area aziendale per l’associazione Link Lecce. 


“La crisi economica e sociale, accentuata dalla pandemia e inasprita da un conflitto tra due stati sovrani, richiede un necessario ed urgente intervento da parte delle istituzioni,- dichiara Diletta De Pascali, Presidente del Consiglio degli Studenti dell’Università del Salento - non permettendo più che le fasce della popolazione più deboli siano lasciate a loro stesse, non garantendo loro i diritti fondamentali della persona."


A distanza di cento anni dal golpe che dava inizio al Ventennio di feroce dittatura nel nostro Paese - prosegue la nota -, abbiamo una classe politica che non prende le distanze da tendenze neo-fasciste, eleggendo alte cariche dello Stato come Ignazio La Russa e Lorenzo Fontana, rappresentanti di una destra notoriamente estrema e reazionaria.


Come componente studentesca non solo non possiamo più accettare le continue passerelle fatte da politici di estrema destra nei nostri luoghi della formazione, con l’appoggio di associazioni studentesche di stampo neofascista, ma abbiamo la necessità anche di fermare l'avanzata di quest'ultime, come già fatto nel 2019 all'interno del Consiglio degli Studenti.


"Il preoccupante scenario politico italiano vede l’attuale governo che, solo poche settimane fa, ha nominato i nuovi ministeri - spiega De Pascali -, generando uno stato di agitazione rispetto alla gestione di quest’ultimi: il ministero dell’istruzione, rinominato Ministero dell’istruzione e merito, conferma con il nome una volontà classista ed escludente da perpetuare all’interno dei luoghi della formazione."

Anche il recente decreto di sosta temporanea delle navi ONG nelle acque italiane, firmato dal Ministro degli Interni e il Ministro delle Infrastrutture, ha posto una stretta alla possibilità di sbarco dei migranti, permettendo solo ai soggetti fragili di poter trovare riparo sulla terraferma. La selezione di esseri umani va contro i principi della nostra Costituzione e conferma le preoccupanti volontà del governo, contrario ad ogni logica umanitaria e di rispetto delle persone.


Ancora, i meccanismi repressivi messi in atto dalla classe politica al Governo, a partire dalle manganellate degli studenti e delle studentesse dell’Università Sapienza di Roma al decreto Anti Rave, preannunciano il reale rischio di denunce molto più frequenti verso i manifestanti e le manifestanti, che agirebbero da deterrente alla partecipazione pubblica e politica.


"Dalla fine del periodo pandemico è evidente la necessità di affrontare il tema del Benessere Psicologico e della Salute Mentale - specifica la rappresentante Link - , che si fa sempre più vivo nel nostro mondo della formazione e dell’istruzione. Dopo il blocco della legge sullo psicologo di base dalla Corte Costituzionale è necessario ritornare a discutere della tematica in Puglia, partendo anche dalla nostra università che prevede la figura dello psicologo nello sportello sanitario universitario."


È chiaro ed evidente quindi - conclude Diletta De Pascali -, che sarà nostra responsabilità ridare centralità al Consiglio degli Studenti della nostra Università, per far fronte alla situazione politica che come comunità studentesca viviamo e per raggiungere gli obiettivi che ci prefiggiamo.”

Diventa il primo a commentare